Visualizzazioni totali

venerdì 17 novembre 2017

Guerra tra Ministeri. Il Mef boccia il Miur. Segreterie scolastiche nel caos?

"Si ritiene non possa condividersi l'orientamento secondo il quale, per la stipula dei
contratti a tempo determinato fino all'avente titolo, possa individuarsi anche il personale scolastico di ruolo"
Con questa "sentenza finale" contenuta nella circolare 202898 del 13 novembre 2017, il Ragioniere generale dello Stato sembra "bocciare" senza appello la nota  del Direttore Generale del Ministero dell'Istruzione del 22 settembre 2017.

Già in passato abbiamo assistito a mortificanti conflitti tra i due ministeri (vedi questo precedente) oppure tra MEF e INPS sull'ASPI (leggi qui) e già in passato abbiamo descritto i gravi danni collaterali subiti dai supplenti. 

Oggi assistiamo ad un altro conflitto interpretativo tra la Direzione generale del MIUR e il Ministero dell'Economia. Quest'ultimo tira in ballo la Corte dei Conti, sezioni Lombardia e Piemonte,  e pronunce dell'Aran per rigettare la richiesta del Miur di uniformare il comportamento delle Ragionerie territoriali sui visti ai contratti stipulati ex art. 59 del ccnl scuola.
Abbiamo appreso sui social che in alcune regioni i contratti sarebbero stati stipulati con data 30 giugno 2018 con "clausola di salvaguardia" e avrebbero ricevuto il visto della ragioneria territoriale. In altre si è rimasti in una fase interlocutoria in attesa di risposta gerarchica ai quesiti, in altre ancora, come a Roma, i contratti non avrebbero ottenuto il visto della Ragioneria. 

In questo contrasto tra due ministeri i sindacati protestano chiedendo al Ministero
dell''Istruzione di rispettare gli accordi presi i primi di settembre e culminati nella Nota del 22 settembre 2017.
I sindacati chiedono altresì di replicare con forza a questa azione di censura da parte del Mef che danneggerebbe, in primis, tutte le segreterie facendole piombare di nuovo nel caos del vuoto di personale con altre sfibranti convocazioni. (Un comunicato del segretario della Uil Scuola descrive bene la situazione).
Ma assieme alle segreterie il danno si rifletterebbe sui singoli lavoratori che si ritrovano sbattuti a destra e sinistra sulla base di direttive emanate e contraddette e, senza il visto delle ragionerie, rischiano di dover attendere la regolare retribuzione per mesi e di dover ricorrere ad onerose azioni legali.

Ci auguriamo che il Presidente del Consiglio e la Ministra dell'Istruzione intervengano celermente per sanare questo paradossale conflitto intragovernativo. 

giovedì 13 aprile 2017

Il gruppo Fb festeggia il matrimonio di una admin

Il gruppo Facebook "Personale della Scuola per la Qualità e Dignità del lavoro", oggi 14 aprile 2017, dichiara la propria giornata nazionale di festa perché oggi pomeriggio una delle nostre admin si sposa.
Dopo Anna che è convolata a nozze con Salvatore, oggi è la giornata felice di un'altra bella coppia e noi, che siamo ormai una grande famiglia, vogliamo celebrare tutti insieme questo momento felice augurando alla nostra admin tanta gioia e amore.

Il matrimonio, uno dei momenti più importanti della nostra vita, va celebrato in modo da rendere la giornata indimenticabile e unica.
A te e al tuo sposo dedichiamo questo sonetto:

Amore non è Amore
se muta quando scopre un mutamento
o tende a svanire quando l’altro s’allontana.
Oh no! Amore è un faro sempre fisso
che sovrasta la tempesta e non vacilla mai;
è la stella-guida di ogni sperduta barca,
il cui valore è sconosciuto, benché nota la distanza.
Amore non è soggetto al Tempo, pur se rosee labbra e gote
dovran cadere sotto la sua curva lama;
Amore non muta in poche ore o settimane,
ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio:
se questo è errore e mi sarà provato,
io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato.
(William Shakespeare)

giovedì 6 aprile 2017

Carta d'identità del gruppo fb Personale della Scuola per la Qualità e Dignità del Lavoro

Il gruppo ormai si avvicina ai 10mila iscritti. Si sente l'esigenza di espandersi e aprirsi a tutto il personale della scuola, di ruolo e non di ruolo. Per questo motivo cin rinominiamo con "Personale della Scuola per la Qualità e Dignità del Lavoro"

A beneficio di tutti e, in particolar modo, dei nuovi entrati di queste ultime settimane, raccontiamo un po' di storia tracciando sinteticamente l'identità del nostro gruppo la cui descrizione si trova sotto la copertina all'angolo destro della bacheca.
Via via sono entrate nel gruppo le amministratrici Rosita Colasanto e Ilaria dell'Arcobaleno.

Ma chi sono gli amministratori -moderatori attualmente in carica e con quali competenze ?

Fondatore del gruppo: Domenico Ciardulli (Ata ed educatore professionale di 3 fascia)

Per le problematiche docenti:  
Margherita Cossu, Anna Maria Collu, Elisa di Meo, Anna Rosiello, Mary Elia, Ilaria dell'Arcobaleno (docenti)

Per le problematiche amministrative : 
Assistente Amministrativa Manuela Mazzanti
Supporto esterno:  Dsga Michele Candita e Tiziana Rondelli

Per le problematiche dei collaboratori scolastici:
Ata: Marco Strino, Serena Ella e Rosita Colasanto

Per le problematiche legali
Avv. Domenico Naso

Vi sono all'interno del gruppo membri appartenenti alle organizzazioni sindacali: 
Flc Cgil, Uil scuola, Conitp scuola, Anief

Un po' di storia
Il 2 marzo 2013 decollava la pagina facebook "Supplenti della Scuola senza stipendio", uno strumento di informazione e di tutela per tutti i precari della scuola inseriti in contratti di lavoro di supplenza temporanea.
Nei mesi successivi la pagina facebook veniva rafforzata da questo blog e da un gruppo facebook ad impostazione chiusa: "Supplenti della Scuola per la qualità e dignità del lavoro" co-gestito da docenti, collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e un Dsga "ad honorem".
Il gruppo intende superare la diffusa mentalità corporativa presente sui social network, per cui ogni profilo della scuola trova la sua sede naturale e difende i propri interessi esclusivi stando nel gruppo identitario:  docenti nel gruppo docenti, Dsga nel gruppo Dsga, collaboratori scolastici con collaboratori, Ata Amministrativi nel gruppo AA e Presidi nel gruppo Presidi.
L'innovazione del gruppo sta nell'abbattimento di questi steccati corporativi in modo da favorire sia il dialogo e lo scambio di esperienze da diversi punti di vista tra il personale della scuola sia soprattutto una sorta di mutuo aiuto che diventa efficacissimo quando un insegnante può interagire con un amministrativo e quando un amministrativo può interagire con un Dsga o con un altro amministrativo. 
All'inizio la diffidenza era tanta: molti supplenti avevano molti rospi in gola e molti sassolini nella scarpa perchè non venivano pagati da mesi. Alcuni aspettavano stipendi dell'anno precedente, ma non volevano esporsi dichiarando la città e la scuola di appartenenza. Inoltre l'uso dei nomignoli di fantasia restava prevalente proprio per questo motivo.
Ma i primi 4 mesi del 2013 sono stati difficilissimi per la maggior parte dei supplenti temporanei, la pagina facebook "Supplenti della scuola senza stipendio" oggi è arrivata a circa 1946 "mi piace" mentre il gruppo "Supplenti della Scuola per la qualità e dignità del lavoro" è arrivato a 5642 iscritti. 

Ecco il primo articolo del blog che ha coinciso con l'insediamento del Ministro Chiara Carrozza:

Successivamente sono nate le iniziative, la prima idea che ha avuto successo mediatico arrivando sui tavoli sindacali e ministeriali è stata quella di costruire attraverso le testimonianze una black list delle scuole che non pagavano gli stipendi, ecco il relativo articolo: 

A questa iniziativa di pressione sul Ministero e sulle scuole si è aggiunta l'iniziativa forte di scrivere ai giornali da parte di alcune nostre colleghe fiorentine che hanno messo in piazza senza timore la loro situazione: 
http://supplentidellascuola.blogspot.it/2013/08/amaro-ferragosto-per-i-supplenti-della.html

Ma l'iniziativa che rimarrà nella nostra storia e nei nostri cuori è questo video che abbiamo organizzato il 7 gennaio 2014. Esso ha avuto eco sul tg nazionale della Rai costringendo  il Miur e il Mef  a fare subito un'emissione speciale per gli stipendi arretrati.

Ma non è finita qui. Il gruppo è stato capace di elaborare in maniera unitaria un documento da presentare al Governo come proposta emendativa alle Linee Guida del Piano denominato  "La Buona Scuola". Centinaia le condivisioni nelle bacheche, centinaia le mail a organi di stampa e sul sito dedicato del governo con il link che potete leggere qui di seguito:
http://supplentidellascuola.blogspot.it/2014/10/le-nostre-proposte-migliorative-al.html

Successivamente, in sede di discussione del Disegno di Legge in Parlamento il Gruppo ha proposto i propri emendamenti 
http://supplentidellascuola.blogspot.it/2015/05/i-nostri-emendamenti-al-disegno-di.html

Saltando tutte le iniziative che riepilogheremo via via vogliamo testimoniare qui la grande giornata del 20 maggio dove alcuni ATA di questo gruppo sono stati protgonisti. Ecco le immagini

Oggi le adesioni sono quadruplicate e molti docenti e ata che si sono aggiunti richiedono un supporto informativo di base che tanti colleghi hanno raggiunto confrontandosi per mesi sulla pagina e sul gruppo facebook.
Nel gruppo abbiamo ospiti giornaliste della Rai, della carta stampata, di orizzonte scuola e tecnica della Scuola. 
Nel gruppo abbiamo avvocati amici ma soprattutto abbiamo all'esterno uno studio legale disposto gratuitamente a fare, nei casi di gravi ritardi, le ingiunzioni di legge per recuperare tutte le insolvenze stipendiali arretrate comprensive di interessi
Noi invitiamo a leggersi qui: tutti gli articoli di questo blog per poter acquisire una serie di notizie utili e iniziare questo splendido "corso di autoformazione" basato sulle molteplici testimonianze che provengono da ogni parte della penisola e da scuole di ogni ordine e grado e da personale nei più svariati ruoli professionali. 
Abbiamo iniziato a comporre questo MANUALE DEL SUPPLENTE che invitiamo a studiare
Le nostre parole d'ordine sono: "Qualità del servizio", "Dignità del Lavoro", "Tutela dei diritti", "Solidarietà tra i diversi profili", "Scuola Bene Comune" 

Auguriamo una buonissima giornata e lanciamo un "in bocca al lupo" a tutte e tutti i supplenti della Scuola




venerdì 20 gennaio 2017

"MINISTRO FEDELI STOP AI RITARDI DEGLI STIPENDI AI SUPPLENTI TEMPORANEI"

Nota Stampa 21 gennaio 2017
C.A. Caporedattore, con preghiera di darne notizia ai lettori


SCUOLA 2017: RITARDO STIPENDI AI SUPPLENTI TEMPORANEI.
 "TOC TOC" MINISTRO FEDELI DOVE  SEI?

Il Gruppo Supplenti per la Qualità e Dignità del Lavoro, composto da 8913 iscritti e 12 amministratori, in merito ai ritardi dei pagamenti, dichiara quanto segue:
Il precedente Governo e il precedente Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini avevano assicurato che, grazie al relativo decreto approvato nell'estate scorsa, non ci sarebbero stati più ritardi nel pagamento dei supplenti. 

Sembrava, quindi fosse finito il calvario dei tantissimi precari della scuola che, con grande sacrificio, coprono con supplenze temporanee i buchi degli organici scolastici.
La speranza è stata viva fin dai primi mesi del nuovo anno scolastico 2016/2017 perché, secondo le nuove norme, gli stipendi dei supplenti temporanei avrebbero dovuto essere pagati entro la fine del mese successivo a quello lavorato.
Non è stato così, il Natale è stato amaro per molti.
Ora è cambiato il Governo e  il Ministro dell'Istruzione.


Siamo certi che il neo Ministro Valeria Fedeli, assieme al Ministro Padoan, stavolta non deluderanno e faranno in modo che tutti i pagamenti delle supplenze brevi, da ottobre a dicembre 2016, saranno pagati entro la fine di questo mese di gennaio 2017. 


Gruppo campione interpellato sui pagamenti degli stipendi arretrati:

M. Rosaria, ottobre novembre dicembre, I.C. Carpi centro
Concetta, ottobre novembre dicembre, I.C. Pomezia
Oriana, ottobre novembre dicembre I.C. 1 San Lazzaro di Savena (BO).
Giorgia, metà ottobre novembre e dicembre I.C. Chioggia 2 Venezia
Fabio, metà ottobre, novembre e dicembre
Laura, novembre e dicembre, Liceo Vailati, Genzano di Roma
Eliana, novembre e dicembre, IISS Notarangelo Foggia
Cristina, novembre, dicembre e tredicesima, Liceo Spaventa di San Angelo
Rosy, novembre e dicembre, Padova
Giovanna, novembre, Parma, supplenza breve
Ilaria, novembre e dicembre, supplenza breve, IC Terralba Genova
Nunzia, novembre e dicembre, IC Casamassima (BA)
Paola, dicembre, La Rita Spezia
Loredana, dicembre, IC Santa Teresa di Gallura
Cecilia, novembre e dicembre
Vittoria, dicembre, IC Travesio (PN).
Chiara, Supplenza breve dal 30/09 a 06/12. Contratto fino al 30/06 dal
07/12. Ricevuto solo ottobre (il 29 dicembre). Scuola sec. Primo grado Prov. Udine.
Donatella, parte di novembre e dicembre supplenza breve fino al 11/2/17. IC Monterubbiano.
Silvia, novembre e dicembre. Liceo Oliveti-Panetta Siderno
Maria Elena novembre e dicembre
...................................
....................................
.....................................


mercoledì 24 agosto 2016

"OMERTA' DEI MEDIA SULLA BUONASCUOLA.." RIFLESSIONI DI UNA DOCENTE

Sentire i notiziari che parlano di questo concorso a cattedra colpevolizzando i partecipanti, attribuendo il fallimento agli "Errori di ortografia" ed alla scarsa preparazione dei professori, è a dir poco svilente.
Nulla si è detto sulle modalità di questo concorso: del fatto che non c'è stato nemmeno il tempo per rileggere, che non c'è stato il tempo per riflettere, che lo stesso sistema di valutazione è decisamente discutibile, per non parlare delle griglie che sono uscite dopo lo svolgimento degli scritti.
Nulla si è detto sul fatto che questi professori sono gente laureata, con master e/o corsi post universitari ed anzi si è sottolineato il fatto che torneranno dietro le cattedre a ricoprire quei posti rimasti vuoti. Quanto di tutto questo creerà ancora di più pregiudizi, da parte delle famiglie, nei confronti di noi insegnanti precari?
Nulla si è detto su classi di concorso con percentuali di bocciature superiori al 70%, nulla sul clamoroso caso di Sicilia e Calabria dove, per ben 2 classi di concorso, tutti i candidati sono stati bocciati allo scritto.
Siamo proprio sicuri che non sia stato tutto studiato a tavolino? 
Come mai nessuna classe di concorso ha rispettato il numero di posti messi a bando, ammettendo agli orali molti meno candidati dei posti effettivamente disponibili?
Non mi dilungo oltre, dico solo che tutto questo la dice lunga sul sistema di informazione - o forse dovremmo dire di disinformazione - che in questo paese copre le spalle ad una classe politica ancora più corrotta.
Che se ne parli in modo più veritiero, di questo assurdo concorso, ci è come minimo dovuto. Che si parli di quanti danni stia facendo la cosiddetta "Buona Scuola", è per noi doveroso. 
Tuttavia i mass media preferiscono l'omertà. Mi chiedo se almeno in internet sia possibile un'informazione più vera. più onesta, minimamente degna di essere appellata con questo nome.
Aggiungo con rammarico, che le classi di concorso infanzia e primaria, quasi in tutta Italia stanno ancora aspettando i risultati dello scritto da fine maggio e non sono state comunicate nemmeno date indicative per l'uscita degli esiti. Anche questa è Buona Scuola?!

PS L'esistenza di questo gruppo almeno, mi rincuora e mi dà forza!

Ilaria

martedì 23 agosto 2016

PASTICCIO SULLE ASSUNZIONI DEI COLLABORATORI SCOLASTICI A ROMA?

Riportiamo di seguito, con un copia e incolla tratto da un gruppo facebook, il dialogo tra un dirigente nazionale della FlcCgil e un collaboratore scolastico

Dirigente Sindacale: "Stanno sbagliando sugli accantonamenti. Sono stati fatti a monte. Segnalate subito..."

Collaboratore scolastico: "L'eventuale mobilità del personale delle province andava fatta con i residui posti disponibili e non sui ruoli maturati dai precari. Poi mi permetta: Lei e' un dirigente nazionale della CGIL i lavoratori non hanno voce siete voi che li dovete rappresentare. Quello che si sta perpetrando ai danni dei CS è una discriminazione insopportabile"

Dirigente sindacale: "Ho appunto detto che hanno sbagliato. Secondo te è colpa mia?"

Collaboratore scolastico: Lei ha anche detto segnalate lo sbaglio. Non è forse meglio intervenire come CGIL a livello nazionale se c'è stato uno sbaglio?

Dirigente sindacale:  "È quello che facciamo ma forse ti è sfuggito"

Collaboratore scolastico: "Allora resto fiducioso affinchè la CGIL risolva quest'altra discriminazione verso i lavoratori più deboli"

In data odierna lo stesso dirigente sindacale ha confermato che l'errore esiste e stanno correggendo.

Riguardo all'argomento degli aventi titolo alla riserva in base alla legge 68/99, secondo quanto rilevato da un'amministratrice del Gruppo Supplenti "nella graduatoria permanente della provincia di Roma di prima fascia (collaboratore scolastico), ci  sarebbero 17 persone con la riserva N, di queste le prime 7 si sarebbero inserite nel 2015 con punteggi altissimi maturati sicuramente in altre province.  Le altre si sarebbero inserite dal 2010 in poi e quindi o già c'erano nel 2014 ma non avevano la riserva o non si sa bene perchè non è stato dato a loro il ruolo..." 
Gradiremmo soltanto sapere se le regole siano state rispettate e nulla più.

A beneficio della completezza di questa informazione aggiungiamo che, nella serata di ieri, anche da parte di un dirigente della UilScuola, sono stati espressi dubbi sulla coerenza dei numeri forniti dall'Ufficio Scolastico di Roma ed è stato dichiarato un impegno alla verifica per questa mattina. 
Ovviamente ci aspettiamo tutti che nella giornata di oggi sia fatto un comunicato stampa unitario e chiarificatore da parte delle organizzazioni sindacali.

PS. Al momento, 24 agosto, sulle immissioni in ruolo riscontro una certa reticenza e silenzio da parte delle organizzazioni sindacali. 
Eppure ci sembra assodato che ci sia stato qualche errore da parte dell'Ufficio scolastico di Roma nell'aver sottratto 21 posti di collaboratore scolastico a beneficio degli esuberi provinciali (che già, secondo un dirigente cgil, sarebbero tolti nella ripartizione dei ruoli). 
Come mai non si legge uno straccio di comunicato sul merito? 
Sembra anche eccessivo il numero di riserve ex 68/99. Basterebbe che un qualche sindacalista informato informato ci spiegasse bene queste 51 riserve. Sono atti pubblici di una Pubblica Amministrazione e la trasparenza è garantita dalla Costituzione. 
Oppure dobbiamo pensare che con la Buona Scuola siamo ormai andati oltre e che la Costituzione è superata da una nuova modernità?




ASSUNZIONI ATA A ROMA: DOCCIA GELATA SU 72 COLLABORATORI SCOLASTICI

Nella provincia di Roma, in base al piano assunzioni reso noto il 10 agosto scorso, gioivano quasi tutti i primi 426 collaboratori scolastici della graduatoria permanente, come i primi 144 assistenti amministrativi e i 53 assistenti tecnici.
Ma, a differenza dei profili di Assistente amministrativo e Assistenti Tecnici, il cui numero di immissioni è stato sostanzialmente rispettato, qualche ora fa è arrivata sul sito ATPROMA un'incredibile doccia gelata che riguarda 72 dei 426 collaboratori scolastici in attesa di stabilizzazione. 
Un segnale infausto, improvviso e inaspettato, che si proietta come un'ombra misteriosa su tutto il territorio italiano 

Solo 354 convocazioni ordinarie di collaboratori scolastici su 426 posti previsti per dare spazio a 21 misteriosi accantonamenti per le province (e a compensazioni di altri profili provinciali), a 51 riservisti 

Tutto un linguaggio che rimane incomprensibile senza un dettaglio documentato delle percentuali, dei numeri e delle posizioni.

Spieghino gli Uffici Miur, in base all'art. 97 della Costituzione, quale fosse la percentuale di saturazione dei posti per i riservisti nelle ultime immissioni in ruolo del 2013 e come si è arrivati oggi alla determinazione del numero di 51 unità di aventi titolo alla riserva dei posti in base alla legge 68/99.

Spieghino gli uffici Miur, in base all'art. 97 della Costituzione, dopo il mistero del blocco delle assunzioni per gli esuberi provinciali, quali siano i motivi per i quali sia stato determinato il numero di 21 accantonamenti di posti per il personale delle province che vanno a diminuire il numero delle immissioni in ruolo.

Vista la conseguente e clamorosa "beffa" che probabilmente riguarderà centinaia di collaboratori scolastici in tutto il paese, 

Il Gruppo Supplenti chiede alle Organizzazioni Sindacali FlcCgil, UilScuola, Cisl Scuola, Snals, FederATA, Unicobas e Cobas, di esigere su tutto il territorio italiano piena trasparenza da parte degli Uffici Scolastici Regionali al fine di fornire agli ATA inclusi nelle graduatorie permanenti, tutti gli elementi esplicativi, chiari e comprensibili, sia relativamente alle decurtazioni di posti ATA a favore di personale provinciale, sia relativamente alla percentuale di saturazione dei posti, precedente e successiva, degli aventi titolo alla riserva dei posti ex L. 68/99.

Gruppo Supplenti della Scuola per la Qualità e Dignità del Lavoro